Nome utente:    Password:        Iscriviti     Password dimenticata

Angelo Quattrocchi



angelo.jpg
Editore della Malatempora scomparso il 6 giugno del 2009 a 67 anni.

Scrittore bilingue (italiano e inglese), romano d'adozione, viaggiatore, fu beat e hippy a Londra e in California e inseguì rivoluzioni in giro per il mondo.

Ebbe una lunga frequentazione di giornali underground: "OZ", magazine della Londra anni '60, "Berkeley Barb", "L.A. Free Press".

Il primo dei suoi molti libri "The Beginning of the End" ("E quel maggio fu: Rivoluzione!") sul '68 francese, best seller internazionale tradotto anche in cinese, è ancora in catalogo dopo più di quarant'anni.

Negli anni '70, editore della mitica Fallo!, pubblica "Oltre la gelosia l'amore" che, per aver sfidato la censura, lo condurrà in un'aula di tribunale.

Poi, tra gli altri, dà alle stampe "Wounded Knee. Gli indiani alla riscossa" (ripubblicato da Malatempora), "Come e perché difendersi dalla Tv" e, presso Vallardi, "Magie e malie dell'Est europeo", "Miti, riti, magie e misteri degli Etruschi", "Miti, riti, magie e misteri dei Greci".

Nel 1999 fonda la casa editrice Malatempora.
Scrittore indomito e penna tagliente come sempre, direttamente con la Malatempora pubblica "Veridica storia dei giubilei", "Carnalità. 99 racconti erotici" e l'instant book "La battaglia di Genova".

E' l'ideatore di "Movimento". E ancora, sempre per la Malatempora, "Elisabeth Bathory, la torturatrice", "Il pastore tedesco" (con F. Santagata), "Ultimi fuochi", "No, no, no Ratzy non è gay", tradotto in inglese col titolo "The Pope is not Gay!", "Veltroni, il cavaliere rosa".

Sino alla fine resta redattore capo del webmagazine dell'editrice.